Risk management

Estra S.p.A. ha avviato nel marzo 2016 un processo di definizione del modello di gestione integrata dei rischi ispirato a standard riconosciuti a livello internazionale in ambito di Enterprise Risk Management (ERM) come il CoSO Report, emanato dal Committee of Sponsoring Organizations of the Treadway Commission, e l’ISO 31000. Il modello ERM nel Gruppo Estra è diretto a supportare la Direzione nell’individuazione dei principali rischi aziendali, nonché a definire le modalità attraverso cui organizzare il sistema dei presidi a tutela dei suddetti rischi. Rappresenta uno strumento di supporto ai processi di pianificazione strategica e, in generale, una leva competitiva che contribuisce allo sviluppo dei processi decisionali. L’ERM analizza, in maniera trasversale, tutti i processi aziendali per valutare l’efficienza dei controlli e l’efficacia delle varie attività svolte, supportando il management per una eventuale ristrutturazione dei processi significativi. Il sistema adottato per la gestione integrata dei rischi prevede il periodico svolgimento delle seguenti attività: validazione del modello di governo dei rischi, aggiornamento della mappatura dei processi, identificazione e valutazione dei rischi e dei presidi adottati per il loro contenimento, valutazioni relative al livello di rischio complessivo e definizione delle opportune strategie di monitoraggio e gestione.

AMBIENTE

I rischi ambientali rivestono, da sempre, centralità assoluta per gli operatori del settore energetico, per il forte collegamento ai temi dello sviluppo economico, sociale ed ambientale, specialmente, ma non esclusivamente, con riferimento alle comunità locali. Gli effetti dei cambiamenti climatici hanno dimostrato di poter influenzare in modo significativo sia il valore degli asset aziendali, sia il sistema energetico nel suo complesso, facendo così emergere una nuova categoria di rischi. Tale categoria, collegata al sempre più frequente manifestarsi di eventi meteorologici estremi, in grado di provocare danni alle infrastrutture ed alla continuità del servizio elettrico, ha messo in luce la necessità per gli operatori del settore di intervenire sul rafforzamento degli apparati infrastrutturali e di implementare soluzioni di prevenzione e mitigazione. Il Gruppo Estra è perfettamente consapevole di tale scenario; tuttavia, non essendo distributore di energia elettrica, non è in grado di attuare azioni concrete volte a mitigare il rischio dell’interruzione della continuità del servizio di energia elettrica. Partendo dalla consapevolezza che comportamenti improntati al rafforzamento ed al mantenimento delle infrastrutture, nonché alla prevenzione ed alla mitigazione dei potenziali rischi derivanti da un loro eventuale indebolimento, possono contribuire ad incrementare le performance ambientali di medio-lungo periodo, il Gruppo Estra ha definito politiche ed azioni di miglioramento mirate alla prevenzione dei potenziali rischi ambientali.

SOCIETA'

Il contesto di generale stallo della situazione economica, accompagnato da fenomeni di instabilità geopolitica non ha certamente favorito il perseguimento di processi di razionalizzazione e di sviluppo strutturale da parte del Gruppo Estra, le cui azioni di consolidamento e di crescita dimensionale dei propri business, al contrario, sono dovute passare attraverso l’istituzione di elevati presidi ai principali rischi sociali a cui la propria attività è continuamente sottoposta.
In particolare, la SBU “Vendita gas naturale ed energia elettrica” (soggetta ad un processo di graduale liberalizzazione accompagnato ad un assetto regolatorio molto invasivo) vede avvicinarsi all’orizzonte un possibile allargamento della platea dei competitors a soggetti dimensionalmente importanti ed attualmente operanti su mercati esteri. In tal senso, l’alta competizione sul prezzo e l’elevata variabilità, alimentata dalla costante apertura a nuove modalità di approvvigionamento, hanno spinto il Gruppo Estra a proseguire nello sviluppo di politiche di integrazione della filiera, politiche che l’hanno contraddistinto lungo tutta la propria traiettoria evolutiva.
Parallelamente, le emergenti domande di nuovi servizi nei settori dell’energia e delle telecomunicazioni hanno trovato impulso nei fattori che stanno caratterizzando i cambiamenti di scenario in corso. In tal senso, la necessità di incentivare un minor consumo energetico (anche attraverso il maggior utilizzo di fonti rinnovabili e lo sfruttamento del potenziale offerto dalle tecnologie informatiche), ha spinto le ADA “Servizi energetici” e “Telecomunicazioni” ad agire in prima linea nel fronteggiare opportunità e rischi direttamente connessi allo sviluppo diversificato delle rispettive strategie di crescita.
Con riferimento alla prevenzione dei rischi legati alla possibile mancanza di continuità nella somministrazione delle forniture da parte delle società del Gruppo Estra e, più nello specifico, a quella dei rischi relativi ad eventuali interruzioni nel servizio di natura non programmabile, imputabili sia a difficoltà nell’approvvigionamento delle materie prime che a malfunzionamenti delle infrastrutture, il Gruppo Estra porta avanti una costante attività di monitoraggio dei livelli di rispetto delle disposizioni normative e degli standard dettati dalle Autorità competenti del Sistema Italia. Accanto a ciò, tuttavia, il Gruppo Estra persegue il continuo miglioramento delle performance attraverso la costante attenzione all’integrazione di tutte le fasi della filiera di commercializzazione e mediante l’adozione di politiche finalizzate ad un costante incremento degli standard di qualità del servizio che vedono nella gestione strategica delle infrastrutture uno dei punti chiave.

PERSONALE

Il Gruppo Estra è ben consapevole della rilevanza strategica assunta dalle proprie risorse umane, elemento essenziale nella creazione di valore e nel miglioramento dei processi interni. Alla luce di ciò, e con l’obiettivo di far fronte ai rischi collegati ad un non adeguato sviluppo delle professionalità e delle competenze del proprio personale, il Gruppo Estra porta avanti percorsi formativi e di aggiornamento che coinvolgono i dipendenti collocati a tutti i livelli organizzativi, promuovendo modalità di selezione ed inserimento dei neo assunti fortemente orientate alle conoscenze scolastiche e/o professionali già acquisite ed allo specifico ruolo a cui gli stessi saranno destinati, e mantenendo un’attenzione costante alla valorizzazione dei talenti formati, come dimostrato dai meccanismi incentivanti e di crescita di carriera riservati ai dipendenti del Gruppo più meritevoli.
Relativamente ai rischi collegati alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro sono stati predisposti da tutte le società con dipendenti documenti di valutazione dei rischi al fine di:
• individuare le modalità adottate dall’organizzazione per identificare i pericoli;
• individuare le occasioni in cui si rende necessaria l’elaborazione o la revisione della valutazione dei rischi;
• individuare le modalità con le quali si controllano i rischi individuati e valutati, tramite gli strumenti previsti dal Sistema di Gestione Salute e Sicurezza sul Lavoro e quindi con gli strumenti tecnici ed organizzativi di prevenzione e protezione della Salute e Sicurezza sul Lavoro. Inoltre, le società Estra, Estracom, Estra Elettricità, Estra Energie, Estra Clima, Centria e Gergas hanno ottenuto la certificazione del proprio sistema di gestione secondo la norma OHSAS18001.

RISPETTO DIRITTI UMANI

Il rispetto dei diritti umani rappresenta un valore fondante e centrale dell’agire del Gruppo Estra che trova pieno riconoscimento nel Codice Etico adottato. In tal senso, il Gruppo Estra garantisce il rispetto dei diritti umani dei propri lavoratori e tutela i diritti dei dipendenti dei propri fornitori inserendo nelle richieste di offerta e nei contratti successivamente stipulati clausole di salvaguardia sociale. Dal momento della sua nascita Estra, non ha mai registrato episodi legati alla violazione di diritti umani, allo stato attuale non ha individuato nessun rischio relativo al tema.